.
Annunci online

LeFolliediVaniglia
Follemente Medito
DIARI
11 dicembre 2008
Basta pedalare
 Pedala, pedala su quella bici color arcobaleno. Pedala veloce, tanto la strada la sai bene. Pedala che forse arrivi presto, sei talmente sicura della direzione che hai preso. L'hai detto tu stessa alla mamma: lasciami andare da sola, che oramai so quale strada prendere. Lei ti ha lasciato libera di andare. Il tuo percorso ai suoi occhi non può essere che una splendida gita, poichè sei la sua bambina, niente può andarti storto. Non ti ha nemmeno detto che un temporale più affogare i tuoi sogni migliori, può far naufragare ogni tua piccola speranza. Il futuro è fuori garanzia, cantano, ma a lei non importa.
Pedali e pedali, su questo stradone grigio. In cielo non c'è un accenno di nuvola, eppure senti che tutto è troppo perfetto per essere vero. La perfezione, ti hanno insegnato, non esiste. Tu, così terribilmente razionale, non ci credi più. Ti sei stancata della gitarella perfetta.
 Il panorama è sempre lo stesso, non cambia di una virgola. Le verdi distese che scorrono alla tua destra sono sempre le stesse e le montagne alla tua sinistra sembrano lo sfondo che i tuoi genitori compravano per il presepe: un paesaggio sempre uguale che si ripete in rotoli di carta argentata.
Improvvisamente non sai più se vale la pena di pedalare su questa strada sempre uguale. La meta è così lontana.. e ostacoli invisibili rallentano anche le  pedalate più veloci. Le tue gambe sono stanche, non reggono più. L'unica cosa che vorresti fare è scendere un momento da quella dannata bici, poggiarla a terra, sederti e guardarti intorno. Ma non lo fai. Non lo fai perchè non vuoi dare a nessuno la soddisfazione di vederti mollare.
 A costo di morirci, su quella bici, a costo di perdere per sempre la strada più comoda, tu pedali.

sfoglia
  

Rubriche
Link
Cerca

Feed

Feed RSS di questo 

blog Reader
Feed ATOM di questo 

blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

Curiosità
blog letto 1 volte

 Un giorno mi dissero che le persone si capiscono da un'occhiata alla camera da letto: come vi teniamo gli armadi, i mobili, le scarpe, quale colore scegliamo per le pareti, l'ordine con cui sistemiamo  i libri, il gusto dell'arredamento.

 Considerate le Follie di Vaniglia come un'anticamera della mia stanza.
Io scrivo ciò che sono

 ***




Infinite volte ti verrò a cercare nelle mie stanze vuote

***



Le Poëte est semblable au prince des nuées
Qui hante la tempête et se rit de l'archer;
exilé sur le sol au milieu des huées,
ses ailes de géant l'empêchent de marcher.




***






Svergognata, ti piace la libertà?


***




Io Non Sono Un Uomo.
Io Sono Dinamite.



***







Bisogna essere molto forti
per amare la solitudine.



***




  -I'm a Freak of Nature-




Life can be heavy, but it all turns
around and goes into
something else..
                            Anastacia

Thanks , 'cos sometimes
 I think I'm falling down, 
but you never let me fall.





***














Risultato test vita precedente:
oracolo Lavoro: Non so come possa farti sentire, ma nella tua vita precedente eri di sesso MASCHILE ed eri un BIBLIOTECARIO, PRETE o GUARDIANO DELLE RELIQUIE TRIBALI ..
Zona: Vivevi a Bahia, Brazil
Periodo storico: antica grecia
Un breve profilo psicologico della tua vita precedente:
Carattere rivoluzionario. Hai probabilmente provocato dei cambiamenti in ogni campo: politica, affari, religione. Probabilmente un leader del tuo tempo



IL CANNOCCHIALE