Blog: http://LeFolliediVaniglia.ilcannocchiale.it

Ricordami di dirti che non ne posso più di te

  Il tempo passa e le cose peggiorano.
Cerco di rimediare, di salvare il salvabile, di non farti arrabbiare ancora , perchè so che ti arrabbi per un nonnulla. E ciò mi da fastidio. Perchè se io m'azzardassi ad arrabbiarmi quando mi pare, cioè quando qualcosa di te non mi va, steremmo sempre a litigare.
Sento un'incomprensione che va molto oltre a ciò che mi aspettavo. Una competizione che non ha niente a che fare con Le sorelle che eravamo prima.
Ma dove sei finita? Dov'è andata quella che conoscevo io? Quella che mi faceva ridere quando nessuno ci riusciva, quella con la quale condividevo pensieri che con altri mai avrei condiviso, quella che riusciva a capire le mie malinconie, i miei bisogni di solitudine.. Non c'è più, è sparita.
Al suo posto c'è una persona che, ad averla conosciuta così, l'avrei odiata a morte.
Tutto di te m'infastidisce, dal modo in cui fumi, al modo in cui metti la giacca, al modo in cui,  inganni, affascini, e streghi gli stupidi che cadono ai tuoi piedi dicendoti  "Sei assolutamente la più bella del mondo". Sembri così falsa, ma che ti è successo?
Di te non ho bisogno, mi hai urlato oggi.
Acida.
Sprezzante.
Arrogante.
Insopportabile.

 "Ma Io ti Lovvo, Io Tivvibbi". Così mi scrivi
Ed io non  so che farmene. Mi sono stancata. Ora la guerra dell'indifferenza la incomincio io.
E non ci sarò quando starai male, quando le Tue persone Importanti ti avranno voltato le spalle, come spesso succede. Quando ti sentirai stanca, incompresa e sola. Quando avrai bisogno di quella che, in fondo, ti conosce più di tutti.
Basta.
 Forse all'inizio sentirai un po' la differenza, ma poi -stanne certa- ti ci abituerai, come fai di solito quando usi le persone a tuo piacimento,e poi le umilii, ancora ed ancora, in un circolo infinito.

Io ne esco, non ci sto più.


 

Pubblicato il 15/10/2008 alle 16.2 nella rubrica diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web